Presentare domanda per assegno di maternita

  • Servizio attivo

L'assegno di maternità concesso dai comuni spetta per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento.


A chi è rivolto

Il servizio si rivolge a madri naturali o adottive non lavoratrici; madri lavoratrici con un’indennità di maternità pari o inferiore all’importo dell’assegno; In entrambi i casi, con un Isee del nucleo familiare inferiore o pari 20.221,13 euro.

E' possibile richiedere l'assegno se:

si è una neo mamma non lavoratrice residente nel Comune;

ha usufruito di adozioni o ha avuto l'affidamento preadottivo di un/una minore di età non superiore ai 6 anni (o ai 18 anni in caso di adozioni o affidamenti internazionali);

si è madre che lavora ma senza diritto all’indennità dell’Inps o alla retribuzione per il periodo di maternità;

il valore Isee del nucleo familiare per l'anno in corso è inferiore o pari 20.221,13 euro (se i genitori del minore non sono coniugati tra loro e non sono conviventi è necessario presentare l'Isee minorenni).

Possono fare inoltre domanda:

  • cittadine italiane o comunitarie (con cittadinanza di un Paese dell'Unione Europea) residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato;
  • cittadine extracomunitarie che rientrano in una di queste categorie:  
  • titolare di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • titolare di permesso di soggiorno rilasciato ai fini lavorativi di durata superiore a sei mesi
  • titolare di permesso di soggiorno rilasciato per fini diversi dall'attività lavorativa, che consenta di lavorare e autorizzi a soggiornare in Italia per periodi superiori a sei mesi.

Descrizione

L’importo dell’assegno mensile di maternità, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, avvenuti dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024, è pari a 404,17 euro per cinque mensilità e, quindi, a complessivi 2.020,85 euro.

Il valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) da tenere presente per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, avvenuti dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024, è pari a 20.221,13 euro.

Come fare

E' necessario accedere con la propria identità digitale SPID attraverso l'utilizzo del pulsante "Accedi al Servizio" e compilare le informazioni richieste.

Cosa serve

Per la presentazione online delle domande occorre autenticarsi utilizzando le credenziali SPID e allegare obbligatoriamente i seguenti documenti:

  • Isee del nucleo familiare in corso di validità;
  • SPID
  • Codice IBAN
  • Permesso di soggiorno in corso di validità

Cosa si ottiene

Un contributo economico per madri che non ricevono l'indennità dell'Inps, o con un'indennità di maternità inferiore all’assegno, e con Isee sotto i 20.221,13 euro.

Tempi e scadenze

Si informa che la pratica sarà evasa in un tempo massimo di 30 giorni dalla ricezione della stessa.

30 giorni

Tempi lavorazione e comunicazione esito

Tempi massimi per la lavorazione della pratica e la comunicazione dell'esito al cittadino

Quanto costa

Il servizio non prevede costi

Accedi al servizio

La richiesta consente di ottenere un contributo economico per madri che non ricevono l'indennità dell'Inps, o con un'indennità di maternità inferiore all’assegno, e con Isee sotto i 20.221,13 euro.

Uffici che erogano il servizio

Ulteriori informazioni

L'assegno di maternità di base, anche detto "assegno di maternità dei comuni", è una prestazione assistenziale concessa dai comuni e pagata dall'INPS (articolo 74 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 51).

Il diritto all'assegno, nei casi di parto, adozione o affidamento preadottivo, spetta a cittadini residenti italiani, comunitari o stranieri in possesso di titolo di soggiorno (per la specifica della tipologia di permesso di soggiorno utile per la concessione del beneficio è necessario rivolgersi al proprio comune di residenza).

L'assegno spetta solo entro determinati limiti di reddito.

I richiedenti non devono avere alcuna copertura previdenziale oppure devono averla entro un determinato importo fissato annualmente. Inoltre, non devono essere già beneficiari di altro assegno di maternità INPS ai sensi della legge 23 dicembre 1999, n. 488.

CIRCOLARE INPS N.40 del 29/02/2024

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Ufficio Servizi Sociali

L’Ufficio Servizi Sociali Comunale ha il compito di programmare, organizzare e verificare un insieme articolato di interventi e servizi socio assistenziali in risposta alle esigenze e ai bisogni dei cittadini.
Argomenti:

Pagina aggiornata il 01/07/2024


Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri